Sovranità e privacy: cosa prevede la legge sulla cibersicurezza in Cina

Il Bollettino Imperiale è l’osservatorio di Limes dedicato all’analisi geopolitica della Cina e alle nuove vie della seta. Grazie al sostegno di TELT. Puoi seguirci su Facebook e Twitter.

La legge sulla cibersicurezza entrata in vigore giovedì 1 giugno è il pilastro su cui si basa la strategia di Pechino per il controllo dell’Internet della Repubblica popolare.

Il presidente cinese Xi Jinping, a capo del comitato ristretto per la Sicurezza della Rete e l’informatizzazione, intende trasformare il paese da “grande utilizzatore di Internet” (wangluo daguo) a “potenza cibernetica” (wangluo zhuquan). Come Xi ha affermato nel primo importante discorso pronunciato a riguardo nel 2014, “senza la sicurezza di Internet non c’è sicurezza nazionale e senza informatizzazione (xinxihua) non c’è modernizzazione”.

Tradotto: Pechino intende favorire lo sviluppo del Web cinese proteggendolo allo stesso tempo da minacce esterne (vedi spionaggio cibernetico e hackeraggio) e interne (potenziali proteste e malcontento sociale) che potrebbero destabilizzare la Repubblica popolare.

Per continuare a leggere clicca qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...