Wang Yi a Roma: il ruolo dell’Italia lungo le vie della seta cinesi

Il mio commento per Limes sulla visita del ministro degli Esteri della Repubblica popolare in Italia di pochi giorni fa.

L’incontro tra il ministro degli Esteri italiano Paolo Gentiloni e il suo omologo cinese Wang Yi ha confermato l’intensificarsi delle relazioni tra Italia e Repubblica popolare, soprattutto sul piano economico.  Wang ha colto l’occasione per esaltare le opportunità che il grande mercato dell’Impero del Centro può fornire alle piccole-medie imprese nostrane, dotate di tecnologia di alto livello e know-how. Roma e Pechino intendono cooperare in diversi settori: tecnologie verdi e sviluppo sostenibile, agricoltura e sicurezza alimentare, urbanizzazione sostenibile, sanità e servizi sanitari, aviazione e aerospazio. Proprio le aree in cui la Repubblica popolare deve progredire per affrontare la transizione economica e sociale verso la “nuova normalità”, caratterizzata da una crescita meno accentuata e una maggiore attenzione alla qualità della vita dei cinesi. Negli ultimi anni gli investimenti cinesi in Italia sono aumentati notevolmente, anche in aziende d’interesse strategico (vedi per esempio Eni, Enel, Terna, Ansaldo, Telecom Italia, Fiat Chrysler e Pirelli) e nel 2015 l’interscambio commerciale sino-italiano ha raggiunto i 38,6 miliardi di euro. La cifra potrebbe aumentare nei prossimi anni grazie al crescente coinvolgimento della paese nel progetto infrastrutturale e commerciale “Una cintura, una via”. Posizionata strategicamente nel cuore del Mar Mediterraneo, l’Italia rappresenta il perfetto anello di congiunzione tra la rotta terrestre e quella marittima delle “nuove vie della seta”, come testimoniano le rappresentazioni cartografiche ufficiali. Ciò rende la Penisola potenziale meta degli investimenti cinesi anche nel settore delle infrastrutture. In tale ambito, si consideri lungo la rotta terrestre il progetto di costruzione di una grande rete ferroviaria ad alta velocità per unire l’Europa all’Asia promosso dal Railway silk road cities forum, cui partecipano ad oggi 30 città e che ha come sede europea Torino. Lungo la rotta marittima rilevano per esempio gli sforzi di Venezia, che insieme a Marghera, Ravenna, Trieste, Capodistria (in Slovenia), Fiume (in Croazia) intende creare una moderna rete portuale in grado di accogliere i flussi commerciali cinesi e competere con le infrastrutture di Rotterdam e Anversa nel Nord Europa e il Pireo in Grecia.
Per approfondire:
Dove e perché investe la Cina, di G. CuscitoLa China Investment Corporation, primo fondo sovrano della Repubblica Popolare, continua a puntare sull’energia, ma intende espandersi anche nella produzione alimentare. Pechino si prepara a sostenere il futuro incremento del consumo interno di cibo.La grande strategia cinese, di Qiao L.Per rispondere al perno asiatico di Obama, la Cina deve necessariamente muovere verso Occidente. E internazionalizzare la propria moneta. La finanza conta più delle portaerei. In attesa che le innovazioni tecnologiche si ribellino all’America.

2 pensieri riguardo “Wang Yi a Roma: il ruolo dell’Italia lungo le vie della seta cinesi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...